Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).







 


 


 




 


 


 



domenica 17 agosto 2014

L’ANORMALE NORMALITA’ DELLE DELIBERE DI GIUNTA CONTRO I DIRIGENTI GIOACCHINO GENCHI E ALESSANDRO PELLERITO

L’ANORMALE NORMALITA’ DELLE DELIBERE DI GIUNTA CONTRO I DIRIGENTI GIOACCHINO GENCHI E ALESSANDRO PELLERITO






L’ANORMALE NORMALITA’ DELLE DELIBERE DI GIUNTA... di isolapulita



Ieri parlavamo della Italcementi, dopo un mese di manutenzione, finalmente ha ripreso alla grande ANZI CHE DICO ALLA “GRANDISSIMA” A “TUTTO FUMO E INQUINANTI”

FINALMENTE I NOSTRI POLMONI POSSONO RESPIRARE PROFONDAMENTE PER CHI CI RIESCE

PAZIENZA SE
LE NOSTRE vie aeree diventano più spesse e SI GONFIANO  PAZIENZA SE
LE NOSTRE  vie aeree producono muco che ostruisce il respiro, niente preoccupazione tanto  LO ESPELLIAMO tossendo.
PAZIENZA SE
I muscoli che circondano le nostre  vie aeree le  comprimono.
PAZIENZA SE
I NOSTRI  polmoni si riempiono troppo e si dilatano.

PAZIENZA pazienza pazienza e ancora pazienza pensate che IN CAMBIO LA ITALCEMENTI CREA ECONOMIA IN PAESE

E’ VERO CI SONO ALCUNI  CITTADINI SCRITERIATI  DI ISOLA DELLE FEMMINE   POCO RICONOSCENTI  PER  CIO’ CHE LA ITALCEMENTI RAPPRESENTA PER LA NOSTRA CITTADINANZA :
MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO e non solo la ITALCEMENTI RAPPRESENTA UN FUTURO SICURO PER I NOSTRI FIGLI.


PAZIENZA SE sempre piu’ spesso sentiamo di nostri compaesani “aggrediti” da forme tumorali e da  neoplasie in fondo non è certo la Italcementi la responsabile anzi alla Italcementi è tutto sotto controllo. Tutto alla Italcementi è perfettamente in REGOLA.
Purtroppo sono altre le fonti di inquinamento a Isola delle Femmine per esempio prendi l’autostrada quante macchine l’attraversano durante il giorno? E poi perché non parlare dei fumatori che inquinano e si autoinquinano?!!
Dico a quei scriteriati cittadini (per fortuna sono pochissimi)  visto che non ci avete fatto fare la torre alta 100 metri almeno lasciate tranquilla la nostra azienda.di fare cio’ che vuole ma soprattutto come vuole.




VIALE DELLE INDUSTRIE MAGAZZINO ISOLAUTO TUTTO IN FUMO  

ISOLA DELLE FEMMINE LA ITALCEMENTI HA RIPRESO ALLA GRANDE beautif


Finalmente ha ripreso alla grande,  dopo un mese di in’attività in cui il cielo di Isola delle Femmine iniziava ad apparire un po’ più blu.
Dopo un mese che i nostri polmoni iniziavano a patire una sorta di “astinenza” alla mal’aria

Finalmente la Italcementi inizia a “sputare di nuovo fumi che ricoprono l’intero paese di una fitta e  densa coltre di nebbia”

Noi  Cittadini di Isola delle Femmine avevamo perso l’abitudine all’uso dei fari fendinebbia.

Finalmente le nostre mogli al mattino possono tenere le porte e finestre sbarrate.

Finalmente i bambini  recandosi a scuola possono giocare a nascondino grazie alla fitta nebbia creatasi grazie alle emissioni della Italcementi

Finalmente possiamo ritornare alle nostre terapie contro le malattie all’apparato respiratorio asma e quant’altro………..

ORA che la Italcementi ha ripreso alla grande, finalmente possiamo mettere a tacere quei falsi ambientalisti che qualche giorno addietro  hanno fatto circolare un volantino alquanto allarmistico su malattie tumori morti…..causate da inquinanti quali MERCURIO, ZOLFO, METALLI PESANTI POLVERI SOTTILI CROMO ESAVALENTE VI….…..  dando, questi falsi ambientalisti,  per scontato che l’unica fonte di inquinamento a Isola delle Femmine sia da addossare alla Italcementi  senza per questo preoccuparsi che la Italcementi offre lavoro a migliaia di famiglie a Isola delle Femmine, non fosse che per questo motivo DOVREMMO AVERE IL PUDORE DI TACERE E DIRE GRAZIE ALLA ITALCEMENTI

Dire grazie alla Italcementi anche se in questo momento a dire il, vero  dal 18 luglio 2010, sembra non abbia alcuna AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE in quanto prescritta per inosservanza delle tantissime prescrizioni impostegli dal decreto 693 del 18 luglio 2008.

Pensate Cittadini il decreto dell’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Sicilia  693 del 18 luglio 2008  di Autorizzazione imponeva alla Italcementi LA PRESENTAZIONE entro due anni la presentazione di un  progetto per la conversione tecnologica dell’impianto produttivo  in alternativa il decreto imponeva alla Italcementi l’adozione delle MIGLIORI TECNOLOGIE DISPONIBILI indicate nel decreto stesso   fine di ridurre le emissioni di ossidi di azoto e quelle di ossidi di zolfo e di ridurre i consumi energetici



Un'altra incredibile prescrizione  che il Decreto 693 del 18 luglio 2008  imponeva in TEMPI CERTI  alla Italcementi la installazione di 2 centraline di rilevamento della quantità di inquinanti emessi dalla Italcementi.

Assurdo semplicemente ASSURDO!!!!!!!

QUESTI SONO I LACCI E LACCIUOLI CHE IMPENDISCONO LO SVILUPPO DI UN’AZIENDA 
PENSATE TUTTI OBBIGHI CREATI PER SALVAGUARDARE NON I POSTI DI LAVORO MA LA SALUTE DEI LAVORATORI E DEI CITTADINI CHE VIVONO E RISIEDONO NELL’AREA DELLO STABILIMENTO.

Assurdo semplicemente ASSURDO!!!!!!!



Il Comune di Isola delle è retto da una COMMISSIONE STRAORDINARIA GOVERNATIVA (suppongo straordinaria per i compiti a cui è chiamato ad assolvere, per il risanamento delle risorse economiche, per la trasparenza della pubblica amministrazione, per la "pulizia" e il corretto funzionamento degli Uffici (Urbanistica, Tributi Gare e appalti, manutenzione......) segnalati nella relazione che accompagna il decreto di scioglimento) a far data dal 9/11/2012 il Consiglio dei Ministri  ha deliberato lo scioglimento del  Consiglio Comunale della Giunta e del Sindaco PORTOBELLO.
Nei giorni successivi al loro insediamento (2012)  nel corso di incontri tenutosi tra  il  COMMISSARIO STRAORDINARIO e  delegazioni di Cittadini che lamentavano lo stato  di abbandono e di degrado  in cui versava Isola delle Femmine:  Il paese coperto di immondizia,strade sporche, odori proveniente  dalle tante discariche  a cielo aperto sparse in paese in lungo e in largo. Una situazione Igienico Santitario ai limiti di una “epidemia”.

La risposta del COMMISSARIO STRAORDINARIO: “ Signori, ci siamo appena insediati, conosciamo la situazione e provvederemo. Lasciateci lavorare. Quello che possiamo dirvi con certezza : Noi lasceremo questo paese per fine mandato che sarà un GIOIELLINO vi lasceremo un paese che probabilmente non avrete mai visto!!!!!!!!”

Siamo al 2014 il fine mandato è alle porte e il paese non intravede GIOIELLINI all'orizzonte per ora vede solo  MERDA! 

In cosa è consistita la STRAORDINARIETA’ GOVERNATIVA è un mistero!!!!!!!!!!!!!!

Fermo restando il quadro accusatorio nei confronti di Cannova & c. - per chi ha un "minimo" di conoscenza dell'apparato amministrativo regionale quello che viene riportato dalla stampa e, stranamente, anche dal virgolettato degli inquirenti non può non apparire poco verisimile ed incongruo.

A quanto è dato  conoscere :

Cannova è un funzionario e come tale, ovviamente, non "rilascia" nè ha potuto mai rilasciare, come invece erroneamente riportato, alcuna autorizzazione.

Cannova è stato, al più, il responsabile del procedimento amministrativo, è stato fino a poco tempo fa il segretario di conferenze dei servizi, spesso per il rilascio delle AIA, ma la sua funzione non poteva andare oltre.

Cannova era o incardinato in una Unità Operativa retta da un dirigente o, sarebbe opportuno  verificare, alle dirette dipendenze funzionali del dirigente responsabile del Servizio VIA-VAS deputato al rilascio anche delle AIA ed era il segretario delle conferenze dei servizi indette dal Servizio VIA-VAS o eventualmente addetto a rendere i pareri nelle conferenze dei servizi per il rilascio di autorizzazioni di competenza di altri dipartimenti predisposti non da lui ma dai responsabili gerarchici a lui superiori.


Quindi, Cannova poteva sì fornire "consigli" o qualcos'altro agli imprenditori "amici", ma poteva "condizionare" il rilascio delle autorizazioni solo ed esclusivamente se chi stava gerarchicamente sopra di lui


-          in prima battuta il dirigente dell'Unità Operativa doveva condividere il procedimento e trasmetterlo al responsabile del servizio,

-          in seconda il responsabile del servizio se condivideva la proposta dell'U.O. rilasciava l'autorizzazione nel caso di sua competenza,

-          in terza il dirigente generale del dipartimento se condivideva la proposta del servizio  rilasciava l'autorizzazione nel caso di sua competenza

-          ed in quarta se l'assessore condivideva la proposta del dipartimento, vagliata dal suo gabinetto,  rilasciava l'autorizzazione nel caso di sua competenza, 

non si accorgeva di nulla o faceva parte della rete del "condizionamento".

Quindi, ai vari livelli,

o Cannova, dal basso superava tutte le varie maglie e li faceva fessi,

o nessuno controllava gli atti e le autorizzazioni erano firmate senza neppure leggere i decreti che si firmavano
o...Cannova era soltanto il primo anello della catena.

Ecco perchè la versione fornita dalla stampa fa acqua da tutte le parti, le autorizzazioni rilasciate da Cannova sono inesistenti e se Cannova condizionava, chi erano i condizionati lungo i vari passaggi amministrativi che portavano al rilascio delle autorizzazioni o alla fornitura dei pareri del servizio VIA-VAS nelle conferenze dei servizi presso altri dipartimenti?

Un'ultima perla.

"Scoppia" al dipartimento ambiente la bomba Crocetta-Lo Bello delle 3500 pratiche inevase al servizio VIA-VAS.
Stante il numero esorbitante è logico pensare che si siano accumulate quantomeno nel corso degli ultimi anni.

Chi sono stati i dirigenti responsabili di questo Servizio negli ultimi anni, i dirigenti generali del dipartimento ambiente, i dirigenti responsabili del controllo di gestione ed i dirigenti responsabili della valutazione delle attività dirigenziali?

I nomi sono tutti arcinoti e si trovano nel sito dell'ARTA, ma mi limito solo a rilevare, perchè sono dati pubblicati sempre nel sito dell'ARTA, che i responsabili del Servizio hanno avuto attestato di avere raggiunto negli stessi anni dell'accumulo tutti gli obiettivi previsti (???) ed hanno ricevuto le relative indennità (circa 9300 euro/anno, oltre 23340 euro/anno di indennità d'incarico).

Quindi, per attestazione della stessa amministrazione, il Servizio VIA-VAS ha funzionato al meglio, nonostante che, a detta della stessa amministrazione, avesse accumulato 3500 pratiche inevase.

CONTINUA SU…..

Nessun commento:

Posta un commento